Meridiana del Duomo (#682)

L’idea di una meridiana del Duomo è di Maria Teresa d’Austria. Tra le riforme avviate dalla sovrana c’era l’esigenza di ottenere una misurazione del tempo più precisa. Per farlo era importante misurare con esattezza il mezzogiorno. Nel 1776 suo figlio Giuseppe II affidò a due astronomi di Brera, Giovanni Angelo de Cesaris e Guido Francesco Reggio, il compito di realizzare la meridiana. Per rendere la meridiana utile, all’interno del Duomo c’era un addetto che la controllava, quando segnava il mezzogiorno usciva sul sagrato e sventolava una bandierina. Il segnale era avvistato da un altro addetto sulla torre del Palazzo dei Giureconsulti che sventolava un’altra bandiera in direzione del castello. Al castello una volta avvistato il segnale si sparava un colpo di cannone, il colpo indicava a tutta la città che era mezzogiorno.

Il funzionamento delle Meridiana del Duomo

Ma veniamo al funzionamento della meridiana, funzionamento che potrete osservare anche voi se vi recate in duomo esattamente a mezzogiorno solare. Se quando entrate vi fermate nella prima campata e alzate lo sguardo verso il soffitto sul lato desto, noterete che c’è un piccolo foro.

Da questo foro, quando il sole sarà a mezzogiorno, entrerà un fascio di luce che si proietterà sul pavimento in corrispondenza di una lunga striscia di ottone fatta posizionare dagli astronomi che realizzarono la meridiana. Quando il disco di luce si troverà esattamente centrato sulla linea di ottone, quello sarà il mezzogiorno. Il disco di luce è visibile per circa 2 / 3 minuti al giorno.

Il mezzogiorno solare non corrisponde esattamente al mezzogiorno segnato dai nostri orologi. Per sapere a che ora il disco sarà visibile vi consiglio di consultare questo sito web: https://dateandtime.info/it/citysunrisesunset.php?id=3173435

Oltre all’ora, grazie a una serie di simboli posizionati lungo la striscia, la meridiana è in grado di indicare anche il segno zodiacale nel quale il sole sta transitando e il solstizio d’estate e d’inverno.

La Meridiana venne vista come simbolo del Diavolo

La meridiana, quando venne installata. generò qualche congettura. Se fate correre lo sguardo lungo la striscia sul pavimento, noterete che il capricorno, a differenza degli altri segni, non si trova sul pavimento ma bensì sul muro della parete di destra. Alcuni videro nell’importanza data a questo simbolo (che rappresenta anche il Diavolo) la prova che il Demonio e il Duomo erano in qualche modo legati. In realtà il varo motivo è che, data l’altezza del soffitto del duomo, la lunghezza del pavimento non è sufficiente a contenere la meridiana.

Della meridiana ne avevamo già parlato nel punto #2 delle 101 Cose da Fare a Milano almeno una volta nella vita: Perdersi tra meandri e leggende nella cattedrale gotica più bella del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.