Noi del Lura

Il Parco del Lura una risorsa per la Città di Lainate e un’opportunità per la tutela del nostro territorio

Il comune di Lainate nel 2011 ha aderito al PLIS del Lura. Il Parco del Lura è un parco locale di interesse sovracomunale istituito negli anni ’80 dai nove comuni che costituivano il Consorzio per il risanamento idrico del torrente. L’obiettivo era quello di valorizzare e tutelare la Valle del torrente Lura.

Il comune di Lainate ha incluso nel parco 194,7 etteri di territorio, corrispondenti a circa il 15% dell’intero territorio comunale. Il parco si estende a nord dell’autostrada e include le aree del Golf Club e quelle in prossimità del Centro, nonché più a nord le aree agricole al confine con Caronno Pertusella e Origgio.

Clicca l’immagine per accedere alla mappa del parco
Il Parco della Rosa Camuna

Il punto di maggiore interesse sul nostro territorio è sicuramente il Parco della Rosa Camuna. Con il progetto di riqualificazione dell’area ex Alfa Romeo è stato realizzata un’area verde dove protagonista è l’acqua, con boschi, prati, filari. L’area è fruibile grazie alla presenza di percorsi ciclo pedonali. Tramite una passerella in legno è inoltre possibile raggiungere il centro del laghetto a forma di rosa camuna, che viene alimentato dal Canale Villoresi.

Il parco della Rosa Camuna

Le aree più interessanti del parco si trovano però nei comuni più a nord, per raggiungerle potete percorrere il percorso ciclo pedonale lungo il torrente. Potete iniziare il tour dalla ciclabile del Villoresi, girando su Via delle Alpi e proseguendo su Via Don Luigi Sturzo. Sul percorso avrete anche modo di passare per Cascina Panigadi, di cui abbiamo già parlato in un altro articolo (Clicca qui per approfondire). Superati i comuni di Caronno Pertusella e Saronno vi troverete immersi nella natura. Il parco è davvero ben tenuto e potrete notare diversi interventi di sistemazione e riforestazione lungo tutto il percorso.

La piazza di Saronno
Piazza Saronno

In particolare, sorprendono le nuove aree di laminazione realizzate tra Lomazzo e Bregnano lungo il corso del torrente. Sono il primo caso in Italia in cui si è sperimentato un Contratto di Fiume. Un formula grazie alla quale si è potuta operare la riqualificazione ambientale di 200mila metri quadrati di territorio. Per dettagli su questo intervento potete leggere in interessante articolo su Vita.it : Clicca Qui

I prati di ceppo
I Prati del Ceppo

Noi del Lura – Il futuro in una storia

«Ci vediamo al Lura!». Sul finire degli anni Quaranta, questa era una frase di rito, perché al Lura ci andavano tutti ed era proprio lì, sulle rive del torrente, che si svolgeva la vita dei ragazzi, ogni pomeriggio, subito dopo la scuola.

“Noi del Lura. Il futuro da una storia” è il libro di racconti che è stato presentato all’inaugurazione dei Prati del Ceppo, la nuova denominazione dell’area di laminazione del Lura tra Lomazzo e Bregnano.

Scritto da Giuseppe Guin, nasce dalla convinzione che:  “Il Lura siamo noi – sottolinea il direttore del Parco del Lura Francesco Occhiuto – noi abbiamo decretato la sua storia e noi definiremo il suo futuro. Questo volume si basa proprio su questa consapevolezza ed è stato voluto dal Consorzio del Parco del Lura in occasione dell’esecuzione delle opere per la riduzione del rischio idraulico, la laminazione controllata delle  piene e la riqualificazione ambientale del torrente Lura.

“Noi del Lura”, attraverso storie, aneddoti, testimonianze dirette e immagini, racconta gli ultimi settant’anni di vita del torrente, una vita segnata da degenerazioni e rinascite, sempre e comunque determinate dal rapporto uomo/ fiume, un binomio inscindibile che è all’origine della sua storia passata ed è la premessa della sua vita futura. Questi anni sono stati caratterizzati da uno stretto rapporto tra economia e territorio e, nei diversi periodi, il torrente è stato vissuto, amato, ma anche usato, ferito e dimenticato.

“Oggi, grazie all’attività del Parco, il territorio del Lura sta proseguendo il suo percorso di riqualificazione e valorizzazione, per diventare sempre più uno spazio vivibile per le persone e vivificante per le comunità” aggiunge il presidente del Parco Giuseppe Cairoli.

Il libro

Tutte le storie contenute in questo volume traggono ispirazione da testimonianze dirette, ma nella costruzione del racconto ci si è anche avvalsi di pubblicazioni precedenti e documenti d’archivio.

Alcuni dei fatti narrati potrebbero non avere una precisa corrispondenza nel veramente accaduto, però sono una veritiera espressione della vita, dell’ambiente e delle situazioni reali, vissute nei diversi periodi storici e nei differenti luoghi raccontati. Per tutela della riservatezza personale, molti dei nomi propri di persone che vengono citati nel testo, sono frutto di fantasia.

Se qualcuno fosse interessato ad avere una copia, suggeriamo di provare a contattare il consorzio ai contatti disponibili sul sito istituzionale: http://www.parcolura.it/index.php

Una risorsa per la città di Lainate

Il parco è davvero una risorsa per la città. Ma quanto ci costa l’adesione al consorzio?

Il contributo ordinario per l’anno 2020 è stato pari a 46.786 €. Sono poco più di 2 € all’anno per ogni cittadino.

In fine alcune novità ci attendono per il prossimo futuro. La giunta comunale nel maggio del 2019 ha dato il via libera al: “PROCOLLO DI INTESA TRA IL COMUNE DI LAINATE E IL CONSORZIO PARCO DEL TORRENTE LURA PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DELLA PISTA CICLOCAMPESTRE IN COMUNE DI LAINATE” , protocollo d’intesa che porterà alla realizzazione del cosiddetto Parco di Lainate nelle aree del parco del Lura a nord del Parco della Rosa Camuna. Ma di questo avremo modo di parlarne in un altro articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.