Mobilità Studenti Lainate – Le incognite per il nuovo anno

Con il supporto di un sondaggio proviamo a raccontare umori e preoccupazioni di studenti  e genitori

La nuova “normalità”, conseguenza dell’epidemia Covid in corso, sta mettendo a dura prova il trasporto pubblico locale di tutte le città. L’attuale sistema sembra non possa reggere a lungo, senza interventi straordinari. Le norme sul distanziamento sociale non consentiranno di garantire la stessa capienza sui mezzi di trasporto. 

Se c’è una categoria che utilizza prevalentemente il trasporto pubblico locale, questa è proprio quella degli studenti, in particolare quelli della scuole superiori, che a Lainate, complice anche l’assenza di istituti superiori sul territorio,  si deve quotidianamente recare nei comuni limitrofi. 

Proprio per questo motivo abbiamo pensato di fare un sondaggio con l’obiettivo di sondare gli umori, le preoccupazioni e le intenzioni di studenti e genitori. Al sondaggio pubblicato sabato 17 maggio hanno risposto 136 persone, che ringraziamo per aver dedicato un po’ del loro tempo. 

Con il sondaggio abbiamo provato ad approfondire principalmente i seguenti argomenti:

  1. verificare quanti a causa delle preoccupazioni dovute alla diffusione del virus, stanno pensando di abbandonare il trasporto pubblico. E quindi capire a quali soluzioni alternative stanno pensando;
  2. considerato che molte scuole sono in un raggio di pochi chilometri, verificare se ci sono e quali sono gli ostacoli all’utilizzo della bicicletta.

In un prossimo articolo pubblicheremo anche tutti i dati del sondaggio, per chi fosse interessato.

Il 32% sta pensando di abbandonare il trasporto pubblico e un altro 32% è indeciso

Agli studenti che utilizzano l’autobus per recarsi a scuola, abbiamo chiesto se, anche a causa dell’emergenza sanitaria Covid, per la riapertura di settembre stanno pensando di cambiare la modalità con la quale raggiungeranno la scuola. Soltanto il 36% ha confermato l’intenzione di continuare ad utilizzare l’autobus per raggiungere la scuola.

Degli 82 studenti che hanno utilizzato l’autobus fino alla chiusura di marzo, 25 hanno confermato di voler cambiare mezzo di trasporto ed altri 26 sono indecisi, pertanto c’è il rischio che il 64% degli studenti non utilizzi più l’autobus per recarsi a scuola.

A coloro che hanno risposto “Si” abbiamo allora chiesto quale mezzo stanno pensando di utilizzare, circa la metà (48%) sta pensando di passare dall’autobus all’auto dei genitori o dei nonni, il 35% alla bicicletta, i restanti stanno pensando sia all’auto che alla bicicletta.

Bicicletta, le strade pericolose frenano il suo utilizzo

Considerato che le scuole medie del territorio e le due scuole superiori più frequentate dagli studenti lainatesi, l’Istituto Mattei e il Liceo Majorana entrambe di Rho, distano pochi chilometri sia da Lainate che dalle sue frazioni, abbiamo voluto verificare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto.

Ebbene, nessuno dei 79 studenti che ha risposto al questionario si reca a scuola in bicicletta. Il 62% utilizzava l’autobus il 30% l’automobile e l’8% (tutti studenti delle scuole medie) si recavano a scuola a piedi.

Abbiamo quindi chiesto a tutti gli studenti (o ai loro genitori che hanno risposto), se hanno mai pensato di utilizzare la bicicletta per recarsi a scuola.

Il 46% ha dichiarato di aver valutato la bicicletta come possibile mezzo per recarsi a scuola, tuttavia ha dovuto optare per un’altra scelta. Abbiamo quindi chiesto per quale ragione.

Quasi la metà (43%) ritiene che la strada per recarsi a scuola sia troppo pericolosa, mentre un 29% pensa che la bicicletta non sia il mezzo ideale in quanto a causa delle condizioni meteo non potrebbe essere utilizzata con regolarità.

In conclusione

A fronte di questi numeri e delle risposte ricevute c’è la necessità di affrontare due questioni nel prossimo futuro.

  1. Come si stanno muovendo le scuole, le amministrazioni pubbliche e le aziende del trasporto pubblico per garantire la sicurezza del servizio ed evitare che molti utenti debbano passare all’auto privata? Causando inevitabilmente: un aggravio per i genitori che dovranno quotidianamente accompagnare i ragazzi a scuola nonché un aumento del traffico e quindi dell’inquinamento atmosferico.
  2. Studiare infrastrutture ciclabili che consentano, almeno per le scuole più vicine, a coloro che lo desiderano di recarsi a scuola in sicurezza. Su questo secondo tema faremo ulteriori approfondimenti. Se qualcuno fosse interessato a dare un contributo può contattarci sulla nostra pagina Facebook

Commenti, suggerimenti e critiche

Di seguito riportiamo, integralmente, tutti i commenti, suggerimenti e critiche lasciati dagli utenti che hanno compilato il questionario:

  • Per incentivare l’uso della bici per andare a scuola, soprattutto per i più piccoli, la parola d’ordine è sicurezza, nel percorso da casa a scuola e sicurezza di ritrovare il mezzo all’uscita;
  • La linea z113 è strapiena e ci sono poche corse, non c’è altro modo per arrivare a Rho; 
  • Aumentate i bus scolastici;
  • Mezzi pubblici adeguati e piste ciclabili sicure;
  • Aumentare il numero di linee mattutine per Saronno in modo tale da poter assicurare il distanziamento sociale; 
  • Fate le ciclabili;
  • Qualche pista ciclabile per raggiungere facilmente Rho con la bicicletta;
  • da Barbaiana a Rho la strada è troppo pericolosa;
  • Pista ciclabile inesistenti;
  • A prescindere dal Covid gli autobus sono stracolmi soprattutto al ritorno spesso si è costretti a prendere quello dopo. La bicicletta è la soluzione ottimale, sono solo 4/5 km  ma è veramente pericoloso, niente ciclabile e automobilisti indisciplinati! 
  • Autobus al ritorno stracolmi e giro corsa assurdo 1 ora per fare 5 km! La bicicletta il mezzo migliore ma non ci sono ciclabili degne e sicure, auto e camion indisciplinati lavori stradali complicano il percorso e aumentano i pericolo, andare in  bici una vera lotteria considerando la costante inquinamento! 
  • Prima del covid i pullman erano già stracolmi, e al ritorno ci impiega un ora per fare un tragitto di soli  4 km.
  • Sarebbe comodo andare in bicicletta se solo ci fosse una strada sicura nella quale non si rischia di essere investiti. Mi é capitato più volte di vedere persone che non sono riuscite a salire sul pullman perché era troppo pieno . 
  • Qualche volta è andato in bici
  • Se fosse sicuro, la bicicletta sarebbe il mezzo migliore. Ci vuole una pista ciclabile (lungo il sempione?) che colleghi al Majorana. Le attuali sono interrotte e non coprono i punti di attraversamento più critici
  • Pista ciclabile tra Lainate Barbaiana e Rho. Mancanza di pista ciclabile tra Barbaiana e Liceo scientifico Majorana di Rho. Attualmente il breve tragitto è estremamente pericoloso. 
  • Se si dovrà mantenere il distanziamento sociale sugli autobus ne serviranno molti di più, sia la mattina che il pomeriggio. Perché l’autobus è sempre pieno, con spesso studenti in piedi schiacciati uno contro l’altro.
  • Perché andare in bicicletta quando c’è il servizio pullman da tanti anni faticosamente guadagnato con firme del circondario proprio tanti anni fa da noi? E poi non tutti sanno usare la bicicletta… E obbligatorio x caso? Dove sta scritto? Fate le cose serie xche noi paghiamo e abbiamo diritto di usufruire del servizio… Chiaro??? 
  • Abitiamo nella zona via Rho dove c’è troppo traffico  e la pista ciclabile non è sufficiente a raggiungere la scuola e poi comunque troppo smog troppe macchine troppi camion…
  • Essendo in 3^media, il prossimo anno per raggiungere il liceo stiamo comunque valutando il percorso con mezzi pubblici. Dipenderà dalla futura situazione covid-19
  • Gli autobus sono sempre troppo pieni e spesso si deve attendere il pullman successivo..
  • Orari autobus poco comodi e troppo pieni..ma quello c’è….
  • Costo eccessivo soprattutto considerando chi ha più figli
  • Lo scorso anno Movibus ha tagliato una corsa costringendo gli studenti a viaggiare come bestie.  Ho reclamato ma nessuno ha risposto. Va aumentato il numero degli autobus
  • La fermata Movibus per Milano Lampugnano non si ferma vicino casa ns che è vicino al Conad ma si ferma solo davanti a l’albergo Litta e non possiamo raggiungere la fermata in bici x mancanza di piste ciclabili adeguate quindi siamo costretti ad accompagnare ns figlio tutte le mattine alla fermata. Chiediamo una fermata movibus lampugnano nei pressi del conad e delle piste ciclabili migliori x raggiungere lainate. Grazie
  • Io preferisco accompagnarla
  • Movibus lo scorso anno ha tagliato la corsa dell’autobus per il Falcone e Borsellino. Ora c’è solo il bus per l’artistico carico come un carro bestiame.
  • Con l’attuale situazione non mando mia figlia in bus. Mi spiace per l’ambiente ma se non ripristinano le due corse non mi vedono più 
  • Qualche pista ciclabile per raggiungere facilmente Rho con la bicicletta 
  • Ottima idea corridoi ciclabili protetti verso le scuole.
  • Che mettano 2 pullman x ogni tragitto che devono fare il comune di Lainate viene ben pagato dalle tasse di noi cittadini se lo puo’ permettere
  • Aumentino i mezzi di trasporto c’e’ tanta gente a casa disoccupata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.